Ayurveda for Dummies: An Easy Introduction to the Science of Life// Ayurveda per Principianti: Un’Introduzione Facile alla Scienza della Vita

(Italian follows English – Italiano dopo l’Inglese)

Hello friends and yogis!

 I am very excited because this is the first article that I write on Ayurveda, a science that I absolutely love and respect because it helps me so much in my everyday life and in understanding how to maintain a healthy body and mind. I decided to write this article so you can better understand Ayurveda as a whole, and its approach to healthcare before you read other articles and posts about more specific topics.

 Before I begin, let me start with a disclaimer: I am neither an Ayurvedic Doctor nor a Therapist. I am a yogi and a yoga teacher who studies Ayurveda because it’s yoga’s sister science and I use it to sustain my practice. Even if I attended workshops held by Ayurvedic practitioners while in India and I study on ayurvedic doctor’s books and other publications, I am not qualified to do nothing more than suggesting non-medical and non-therapeutical everyday body care tips and tricks inspired by what I have learned so far. I myself go to a proper Ayurvedic Doctor once in a while, to do a full check up and get my Ayurvedic medications when needed. With this article, I am also neither denying nor rejecting the value of Western Medicine, which instead, I firmly support. I am also not suggesting you see an ayurvedic doctor unless you want to. 

Photo by Hilary Hahn

 

Let’s begin with the name: Ayurveda.

Ayurveda is an Indian name that is made of two words:

Ayur= life, longevity

Veda= science, a branch of knowledge

Therefore, Ayurveda means Science of Life. In other words, it is the Indian Traditional Medicine System, a system as old as 5,000 years.

Ayurveda cannot be understood alone, without the context of Yoga Philosophy and in particular, Samkhya Philosophy, which was understood by ancient sages through spiritual disciplines. Samkhya Philosophy is very dualistic, meaning it is based on the belief that there are two kinds of reality: material (physical) which in Samkhya is called Prakriti, and immaterial (spiritual) which is called Purusha. Purusha could also be intended as God or the Universal principle. From the interaction between the two, the world is created. From Prakriti, which is the Mother who gives birth to the Universe, the Gunas (attributes) also manifest in all things in the world. The Gunas are Satva (essence, creative potential) Raja (movement, kinetic force) and Tamas (inertia, destructive force). The Gunas are important because they are also the attributes of food, which is considered absolutely central and crucial in Ayurveda. Food and a well-tailored diet are in fact the primary source of cure and medicine according to this approach.

Ayurveda is a holistic form of medicine, meaning it takes into consideration both the physical, the psychological and spiritual aspects of human beings. Food is considered of primary importance because it goes through the physical body (gets eaten and expelled), it sustains the physical and the psychological body, meaning it nourishes it chemically, physically, and also psychologically, but also it becomes the thoughts of the mind, as food carries energy like anything else in the world. This is where the Gunas become important because the kind of primary energy of the food that one eats is going to affect all these three levels, according to Ayurveda.

This is the main difference with western nutrition: it’s not only about the first two layers (chemical/physical/physiological and psychological) but especially about the subtler layer, the energetic one.

According to Ayurveda, the body is made of all five elements:

Earth (bones, hair, nails), Water, Fire (digestive system, manipura chakra), Air (respiratory system, skin), Space/Ether (space occupied, cavities, emptiness, organs of speech).

The five basic elements manifest in the body as 3 basic principles, unique to Ayurveda and called Tri-Dosha, that govern the body, as they have specific characteristics and are mostly situated in specific areas. These are:

  • Space+Air= Vata. Movement, breathing, natural urges, locomotion, senses. COLD&LIGHT
  • Fire+Water= Pitta. Body heat, digestion, intelligence, hunger, thirst. LIGHT&OILY
  • Water+Earth= Kapha. Stability, lubrication, steadiness, attachment. COLD&OILY

The percentage, combinations, prominence of one or two of these components create a special makeup that is the Ayurvedic constitution. According to this science, we are born with a specific combination of elements, and therefore Tri-Dosha, in which one or two are more prominent or they are all equal (rare). This constitution affects the look, the physiology, the anatomy and the psychology of a person.

HOWEVER: These elements are NOT physical. You can’t cut a body open and find Pitta, Kapha or Vata. These exist in the Pranamayakosha, (Prana=energy) the Energy Body. What is physical is the MANIFESTATION of these characteristics in the physical body through certain traits that are visible to the human eye.

To understand your constitution and your Tri-Dosha you need to see an Ayurvedic doctor or Therapist. You can try to guestimate it using guidelines… but it is a very very complex thing to do, especially when you are made of more than one (like me). Anyway, if you want to have a bit of fun, now you have a bit of background and you can try to use these guidelines and see if you recognize yourself in them… Pay attention to the skin/eyes/hair part, as it’s important for all body treatments inspired by Ayurveda and for my next article :-). Remember that for an accurate analysis, you need a doctor!

In general, these are the guidelines to understand and spot the predominant doshas through physiological, anatomical and psychological characteristics according to Dr. Vasant Lad (1984, pp. 34-5):

  • Vata: Thin, low BMI, dry/rough and cold skin, dry/kinky/frizzy, hair, emaciated gums, small and dry eyes, variable appetite, likes sweet food, constipated/intestines issues, very sporty and active, jumpy and very active mind, insecure and anxious, good recent memory, poor sleep, likes to spend money, feeble heart pulse (moves like a snake).
  • Pitta: Moderate and proportionate body, normal BMI, soft/warm/pink/yellow and hydrated skin, soft /oily/blond or light brunette and hydrated hair, medium size teeth, soft gums, sharp and penetrating eyes, strong appetite, bitter/sweet taste preference, very thirsty, little or no digestive problems, moderately active, intelligent, sharp, aggressive, irritable, jealous, sharp memory, violent and active dreams, little but good quality sleep, moderate money spender, moderate heart pulse (jumps like a frog).
  • Kapha: Thick body frame, big bones, normal or high BMI with tendency to gain weight, thick, cold/cool/white and oily skin, thick/wavy and oily hair, strong and white teeth, big attractive eyes with long lashes, slow and steady appetite, likes pungent and bitter tastes, digestion is slow, lightly active or lethargic, calm and steady mind, elephant memory, dreams are romantic and flowy, sleep is heavy and prolonged, speech is slow and monotonous, money saver, heart pulse is slow and deep (moves like a swan).

However, if you are predominant Vata, Pitta or Kapha, it doesn’t mean that you have ALL of those who fall into a category. It only means that you have many which do, maybe even only the psychological parts of one and the physical aspects of another one. For example, I am Vata-Pitta and a lot of my body looks like Pitta except for my hair that is Vata, while my mind and sleep look a lot like Vata, except for the communication/speech part that is less anxious and sharper/ more aggressive like Pitta’s personality.

 

I hope you found this article interesting, I did my best to make it simple and approachable so you have a reference for future Ayurveda-related content! All books that I used as reference are listed below.

 

Love and kindness to you.

 

Namaste,

 

Carolina

 

Bibliography:

Anastasi, G. & al. (2012). Trattato di Anatomia Umana, vol. 1. Milano, Italia: Edi Ermes

Lad, V. (1984). Ayurveda. The Science of Self-Healing: A Practical Guide. Twin Lakes, USA: Lotus Press

Swami Visnudevananda (1960). The Complete Illustrated Book of Yoga. New York, USA: Pocket Books

Pole, S. (2011). A Pukka Life.London, UK: Quadrille


Ciao amici e yogi!

 

Sono molto emozionata perché questo è il primo articolo che scrivo sull’Ayurveda, una scienza che amo e rispetto profondamente perché mi aiuta moltissimo nella mia vita quotidiana e nel come mantenere un corpo e una mente sani. Ho deciso di scrivere questo articolo per farvi comprendere meglio l’Ayurveda nel suo insieme e il suo approccio alla salute prima che vi addentriate a leggere altri articoli e post su argomenti più specifici.

Prima di iniziare, vorrei fare un disclaimer: non sono né un medico ayurvedico né un terapeuta. Sono una yogi e un insegnante di yoga che studia l’Ayurveda perché è la scienza sorella dello yoga e io la uso per sostenere la mia pratica. Anche se ho frequentato seminari tenuti da professionisti ayurvedici mentre ero in India, e studio su libri di dottori ayurvedici e altre pubblicazioni, non sono qualificata per fare nient’altro che suggerire consigli di natura non medica e/o terapeutica di cura del corpo quotidiana e trucchi ispirati a ciò che ho imparato finora. Io stessa vado dal mio dottore ayurvedico più o meno ogni 6 mesi per fare un controllo completo ed eventualmente ottenere i miei farmaci ayurvedici quando necessario. Specifico anche che con questo articolo non sto assolutamente negando il valore della medicina occidentale, che anzi sostengo fortemente. Non sto nemmeno consigliandovi di vedere un medico ayurvedico a meno che non sia una vostra decisione.

Iniziamo dal nome: Ayurveda.

L’Ayurveda è un nome indiano composto da due parole:

Ayur = vita, longevità

Veda = scienza, un ramo della conoscenza

Pertanto, Ayurveda significa Scienza della Vita. In altre parole, è il sistema di medicina tradizionale indiana, un sistema antico di circa 5.000 anni.

L’Ayurveda non può essere compresa da sola, senza il contesto della Filosofia dello Yoga e in particolare della Filosofia Samkhya, che è stata compresa dagli antichi saggi attraverso le discipline spirituali. La filosofia Samkhya è molto dualistica, il che significa che si basa sulla convinzione che ci sono due tipi di realtà: materiale (fisica) che in Samkhya è chiamata Prakriti e immateriale (spirituale) che è chiamata Purusha. Purusha potrebbe anche essere inteso come Dio o il principio universale. Dall’interazione tra i due, il mondo è creato. Da Prakriti, che è la Madre che dà vita all’Universo, i Guna (attributi, qualità) si manifestano in tutte le cose del mondo. I Guna sono Satva (essenza, potenziale creativo) Raja (movimento, forza cinetica) e Tamas (inerzia, forza distruttiva). I Guna sono importanti perché sono anche gli attributi del cibo, che è considerato assolutamente centrale e cruciale nell’Ayurveda. Il cibo e una dieta ben calibrata sono infatti la principale fonte di cura e medicina secondo questo approccio.

L’Ayurveda è una forma olistica di medicina, nel senso che prende in considerazione i tre aspetti dell’uomo: quelli fisici, quelli psicologici e quelli spirituali. Il cibo è considerato di primaria importanza perché attraversa il corpo fisico (viene mangiato ed espulso), mantiene il corpo fisico e sostiene il corpo psicologico, cioè lo nutre chimicamente, fisicamente e anche psicologicamente, ma si trasforma anche nel pensiero della mente, siccome il cibo porta energia come qualsiasi altra cosa al mondo. Ora, è qui che i Guna diventano importanti perché il tipo di energia primaria del cibo che si mangia influirà su tutti e tre questi livelli, secondo l’Ayurveda.

Questa è la principale differenza con la nutrizione occidentale: non si tratta solo dei primi due aspetti (quello chimico / fisico / fisiologico e quello psicologico), ma soprattutto dello strato più sottile, quello energetico.

Inoltre, secondo l’Ayurveda, il corpo è composto da tutti e cinque gli elementi:

Terra (ossa, capelli, unghie), Acqua, Fuoco (apparato digerente, manipura chakra), Aria (sistema respiratorio, pelle), Spazio / Etere (spazio occupato, cavità, vuoto, organi della parola).

I cinque elementi di base si manifestano nel corpo come 3 principi base, assolutamente unici del sistema Ayurvedico, chiamati Tri-Dosha che governano il corpo, hanno caratteristiche specifiche e sono per lo più situati in aree specifiche. Questi sono:

  • Spazio + Aria = Vata. Movimento, respiro, impulsi naturali, locomozione, sensi. FREDDO & LEGGERO
  • Fuoco + Acqua = Pitta. Calore, digestione, intelligenza, fame, sete. LEGGERO & OLEOSO
  • Acqua + Terra = Kapha. Stabilità, lubrificazione, stabilità, attaccamento. FREDDO & OLEOSO

La percentuale, le combinazioni, la prominenza di uno o due di questi componenti creano una composizione speciale che è la Costituzione Ayurvedica. Secondo questa scienza, siamo nati con una combinazione specifica di elementi, e quindi Tri-Dosha, in cui uno o due sono più prominenti o sono tutti uguali (raro). Questa costituzione influenza l’aspetto, la fisiologia, l’anatomia e la psicologia di una persona.

TUTTAVIA: questi elementi NON sono fisici. Non si può aprire un corpo e trovare Pitta, Kapha o Vata. Questi esistono nel Pranamayakosha, (Prana = energia), cioè il Corpo Energetico. Ciò che è fisico e visibile è solo la MANIFESTAZIONE di queste caratteristiche nel corpo fisico attraverso certi tratti visibili all’occhio umano.

Per capire la vostra costituzione e il tuo Tri-Dosha con precisione dovete consultare un medico ayurvedico o un terapeuta. Potete provare ad intuirlo usando le linee guida… ma è una cosa molto complessa da fare, specialmente quando se ne ha più di uno (come me). Ora che avete (spero :-P) un po’ capito di cosa si tratta, potete però divertirti con queste descrizioni e vedere se vi riconoscete in esse… Fate attenzione alla parte pelle / occhi / capelli, poiché è importante per tutti i trattamenti di cura del corpo ispirati all’Ayurveda e per il mio prossimo articolo. Ricordate però che per un’analisi corretta, serve un medico!

In generale, queste sono le linee guida per comprendere e individuare i Dosha predominanti attraverso caratteristiche fisiologiche, anatomiche e psicologiche secondo il dott. Vasant Lad (1984, pp. 34-5):

  • Vata: soggetto di figura sottile, BMI basso, pelle secca / ruvida e fredda, capelli secchi / crespi / crespi, gengive emaciate, occhi piccoli e secchi, appetito variabile, piace cibo dolce, problemi stitichezza / intestinali, molto sportivo e attivo, nervoso e mente molto attiva, insicurezza e ansia, buona memoria recente, sonno di bassa qualità, piace spendere soldi, polso debole (si muove come un serpente).
  • Pitta: soggetto con corpo moderato e proporzionato, BMI normale, pelle morbida / calda / rosa / gialla e idratata, capelli morbidi / tendente al grasso / biondo o castano chiaro e idratati, denti di media taglia, gengive morbide, occhi acuti e penetranti, forte appetito, preferenza gusto amaro / dolce, molto assetato, pochi o assenti problemi digestivi, moderatamente attivo, intelligente, acuto, aggressivo, irritabile, geloso, memoria di ferro, sogni violenti e attivi, breve ma buona qualità del sonno, moderato con il denaro, polso moderato (salta come una rana).
  • Kapha: soggetto di struttura corporea spessa, ossa grandi, BMI normale o alto con tendenza ad ingrassare, pelle spessa, fredda / fredda / bianca e grassa, capelli spessi / ondulati e grassi, denti forti e bianchi, occhi grandi e attraenti con ciglia lunghe, lentezza e l’appetito costante, ama i sapori pungenti e amari, la digestione è lenta, leggermente attivo o letargico, mente calma e ferma, memoria da elefante, i sogni sono romantici e fluidi, il sonno è pesante e prolungato, il linguaggio è lento e monotono, risparmia denaro, polso lento e profondo (si muove come un cigno).

Attenzione: se siete Vata, Pitta o Kapha predominante, ciò non significa che abbiate TUTTE quelle caratteristiche che rientrano in una categoria. Significa solo che ne avete molte che lo sono, forse anche solo le parti psicologiche di una e gli aspetti fisici di un altra. Per esempio, io sono Vata-Pitta e gran parte del mio corpo assomiglia a Pitta tranne che per i miei capelli che sono Vata, mentre la mia mente e il mio sonno assomigliano molto a Vata, eccetto per la parte comunicazione / discorso che è meno ansiosa e più aggressivo e diretta come la personalità di Pitta.

 

Spero che abbiate trovato questo articolo interessante, ho fatto del mio meglio per renderlo semplice e accessibile in modo possiate avere un riferimento per i futuri contenuti relativi all’Ayurveda! Tutti i libri che ho usato come riferimento sono elencati di seguito.

Love and Kindness for you!

Namaste,

Carolina

 

Bibliography:

Anastasi, G. & al. (2012). Trattato di Anatomia Umana, vol. 1. Milano, Italia: Edi Ermes

Lad, V. (1984). Ayurveda. The Science of Self-Healing: A Practical Guide. Twin Lakes, USA: Lotus Press

Swami Visnudevananda (1960). The Complete Illustrated Book of Yoga. New York, USA: Pocket Books

Pole, S. (2011). A Pukka Life.London, UK: Quadrille

3 Replies to “Ayurveda for Dummies: An Easy Introduction to the Science of Life// Ayurveda per Principianti: Un’Introduzione Facile alla Scienza della Vita”

  1. Il tuo articolo e’ molto interessante, comprensibile e scritto bene. Hai molta passione. Sono contenta di questa tua esperienza che ti rende forte fisicamente e psicologicamente. Buona avventura in questo mondo meraviglioso.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s