YOGA… WHAT? GUIDE TO THE DIFFERENT YOGIC PATHS, YOGA LINEAGES, A​N​D MAJOR STYLES // YOGA… COSA? GUIDA ALLE DIVERSE VIE YOGICHE, I LIGNAGGI DELLO YOGA E I PRINCIPALI STILI

[🇮🇹ITALIANO SEGUE L’INGLESE]

Hello friends and yogis! 

How are you doing? Today, I am very happy to present you this article that was very much requested by many of you. 

I often get asked: ‘how many styles of yoga are there?’ ‘Which ones are ‘traditional’?’ ‘How do I choose a yoga class with all those weird names?’ so I decided to create this content in order to clarify some of these doubts.
In the process of writing this post, I realized that before I could describe the different styles of ‘studio Yoga’, I had to take a step back and explain many other things. This because I don’t want to give an approximative answer and I don’t want to write a superficial piece which would do a disservice to yoga and to my students and readers. I decided to embark in proper research and put my heart and skills into this piece. It took me days to write it.  This meant that I had to write a long article and divide it into sections that could be reader-friendly. So:

How to approach this post: 

  • Introduction: what is yoga, main sources, general concepts.
  • The First Section is a mix between the history of yoga in general and its main branches following the sources of traditional texts
  • The Second Section mainly focuses on Western studios’ styles, modern yoga and what to expect from a class. 
  • Conclusion

You can skip the Intro and the First Section if you want. But just so you know, you will get a much less deep insight. In fact, you will basically only read about the styles that fall into the category of Hatha Yoga. Hatha Yoga is an umbrella term, so if you want to understand what is traditionally meant with Hatha Yoga – and not the yoga studio meaning of it – you have to read at least the Intro and part of the First Section as well

One last important thing. As one of my dear teachers says: DO NOT BELIEVE A WORD I SAID. That is: use YOUR brain. I know I do not know. I may be wrong. I choose to talk about what I personally understood. If something doesn’t make sense to you, look for more. Study better, study again. I do not ‘possess’ the Truth!

Now, make a cup of tea, sit back… and enjoy the deep dive! I’ll touch base on the other side! 

Introduction

To begin with: Yoga comes from India and it has nowadays been recognized as India’s UNESCO Intangible Cultural Heritage and it is believed to be at least 5,000 years old. Yoga is deeply connected to the Indian Vedas (meaning ‘knowledge’) -aka India’s ancient philosophical, scientific and literary texts– and their philosophical underpinnings. There are many, MANY styles and lineages of yoga, more than the ones presented in this article. Some are more common in the West than others, some have been derived from others, some are more dynamic and some are more static/meditative, devotional, etc… but they are all connected.

Yoga meant to unite. To join together. To unite with the One. It is more than spiritual gymnastics, and even if it’s true that wellness and mental clarity are among the benefits of practicing yoga, this is not its main goal

The study of yoga is a path of self-realization, a path to understand our role in the Universe and connect with our True Nature

It’s like coming home to the awareness that we had before we got influenced by our society, the social constraints and cultural boundaries. As master yoga teacher Prem Carlisi says: ‘there is this feeling of not being quite at home here on Earth. Yoga is our ticket back to that place of rest, our true home within’ (Carlisi 2014, pp. 131). In order to do this, there are many approaches that have been documented and adopted, but 8 of these are the most common ones, which are mainly mentioned in the Upanishads, in the Bhagavad Gita and in the Yoga Sutras of Patanjali (based on Samkhya philosophy).

The latter is probably the most well-known system of yogic studies. Patanjali is an almost mythical figure that wrote the Yoga Sutras (196 aphorisms and instructions, composed between 4thor 5thcentury) These describes the yogic path as divided in 8 practices, explaining how to overcome the dilemmas of human existence through the practice in order to achieve peace, truth, self-realization and freedom

Remember: in India, a yogi is not someone who practices Asana. A yogi is someone who is fully dedicated to the study and the practice of this tradition, committed to esoteric and/or spiritual practices and tries to unveil the ‘hidden secrets of religion’ if you will. And who ALSO practices more or less asanas. In yoga, the approach is always holistic: there is attention the belief system, the body, the spirit, the energy, the state of grace. 

Why did I make this introduction? Simple. It will help you to develop a critical eye and critical thinking. Whenever you find yourself studying in a school where this holistic approach is missing, and only one aspect is dealt with (let’s say only the physical aspect) then you are not in a yoga school, you are in a gymnastics studio, INSPIRED by the yoga asana (postures) method.

This is not BAD per se. Maybe it will make you feel good. GREAT. It will light something in you, it will make you grow as a person anyway. But let’s be honest about what we are doing in life and what yoga is. Let’s make INFORMED decisions and let’s RESPECT the cultural practices of other countries before we appropriate them without even asking PLEASE.

1. The Paths of Yoga

Ok, now it’s deep dive time. I am going to give you an overview of the 8 paths mentioned above that are found in the ancient texts (not to be confused with the 8 LIMBS described by Patanjali!) plus one, because it is connected to the Indian texts, but it’s based on a different philosophy as well, and doesn’t fall into any other category. Remember these are the approaches, that do not necessarily match the names you’ll find at your studio:

  • Hatha
  • Tantra
  • Jnana
  • Karma
  • Bhakti 
  • Kriya
  • Kundalini
  • Raja

+

  • Yin

Hatha Yoga

Hatha yoga is the style that is predominantly present in the West. It is the yoga approach where the asanas (the postures) are more numerous and present, the yoga where the physical practice is considered very important to access subtler layers of the body. The Sanskrit term “hatha” is derived from ‘Ha’, Sun, and ‘Tha’, Moon. According to Hatha yoga principles, accessing the body is the first step to channel the energy properly, preparing it for more meditative practices and yogic spiritual explorations. It is a way to get to know the universe that is our body: all schools of Hatha yoga include postures. The oldest Hatha yoga manual is the medieval Hatha Yoga Pradipika by Swami Swatamarama (15thcentury): here, Hatha yoga is presented as a practice that is preparatory to meditation and Raja practices (see below). Hatha yoga embraces pretty much all styles of yoga that are common in the West (Ashtanga, Iyengar, Vinyasa etc.) that are grounded in a physical practice and deeply influenced by the modern innovations introduced by the teachers T. Krishnamacharya (in particular the introduction of ‘Vinyasa’, and the influence of British gymnastics, see section 2) and Sivananda Saraswati at the beginning of the last century. Insights on all these Hatha styles is given in section 2. There are many kinds of Hatha yoga asana practice, from slower to faster, even if the Sanskrit meaning of the word – the conjunction of sun and moon – is literally ‘vigorous’ or ‘strong’. In spite of this, the meaning has changed in western society. When you read the word ‘Hatha’ in a studio, it is usually a ‘non-flow’ class, where relatively accessible postures are taught one after the other, without ‘choreographed’ transitions, and in a much gentler way: there are pauses and a lot of breathing (pranayama) exercises.  Western Hatha yoga classes are usually best for beginners since they tend to be paced slower than other yoga styles. If you are brand-new to yoga, hatha yoga is usually a great entry class to the practice (read more in section 2). 

Tantra Yoga

Tantra (which literally means ‘system’) most likely arose in India before the 5thcentury CE, and it’s probably the root of Hatha yoga. It is also one of the most misunderstood forms of yoga: in the West, we associate Tantra with sex and esoteric sexual practices. This is NOT what Tantra is about. Tantra itself means ‘to expand’ and the practice explore how we can use our subtle body and our energy. It explores how we can connect with the Devine or with our True Nature using energy work. In Tantra, very high importance is given to the feminine, as feminine energy is Prakriti, it is the manifested world, the Form, what we see. According to Tantra, things exist in an un-manifested way, and then they come to the world taking Form.

Jnana Yoga

Jnana means knowledge. It is the yogic path through the study of Vedanta. It is a practice that challenges our intellectual and cognitive capacities, to deal with deep questions of ethics, epistemology, ontology, and genesis. Interrogating ourselves about the meaning of life and our nature. It’s one of the most difficult of the yogic paths because it involves a great deal of academic work, including the study of Sanskrit. It is done with a teacher that discusses, explains and clarifies concepts, and where debates take place. It is based on the idea that all knowledge is already within us, and we ‘just’ have to discover it. This approach is one of those discussed in the Bhagavad Gita among other texts.

Karma Yoga

Karma yoga is based on the premise that there is a deep connection between each persons’ soul and the Universe, and that ‘what goes out, comes back’. It is the Yoga of Action (very much present in the Bhagavad Gita), meaning: what we do and, especially, the Intention that we have when we do it will determine and influence what comes next. According to Karma yoga, we should therefore act in a selfless way, surrendering to life and God. Karma is every minute of our life. Every action should be based on the awareness of the connections that exist in the Universe. According to Karma, every moment is an opportunity to acknowledge the power of the Devine spark in everything around us, and to do something to connect to it.

Bhakti Yoga 

Bhakti Yoga is primarily based on the practice of Devotion (present in the Bhagavad Gita and already in early Upanishads), cultivating love. It’s the yoga of ‘loving devotion’. Surrendering the Ego to God, opening up the heart to unite with the Devine. The majority of the practice has to do with chanting, singing kirtan and songs about the Gods – which is a form of meditation – and using the sounds to enter the state of loving devotion. It involves praying, going to the temple, meditating on God, practicing while thinking about God. The logic is the same of the Asana practice in Hatha yoga – which uses a physical practice to access a state, tune into our subtle body and start feeling the prana (energy) moving – but instead of using postures, Bhakti uses sounds, names and meditation to connect to the Inner Wisdom that we gain through the practice.

Kriya Yoga

Kriya means action or movement, and refers to the movement of the consciousness. Kriya yoga aims at controlling the energy, especially through breathwork (Pranayama) to go inside using attention (Dharana) and eventually meditation (Dhyana) and access and establish a deep inner connection. It is a psychophysical practice, or method, where breath, mind and energy are used and stimulated to overcome the blockages that prevent us from seeing the Truth. The practice of Kriya yoga was introduced in the West thanks to Yogananada in the ‘20s, the author of one of the most famous yoga books, Autobiography of a Yogi. 

Kundalini Yoga

Kundalini is the yoga approach that mostly focuses on Chakras’ work. Kundalini is the supposedly dormant energy at the base of the spine, around the Muladhara area, that is the feminine energy (Shakti) that we have inside. This dormant energy is what blocks the prana (the energy) to flow up and down the body through the nadis (energy channels). The description of Kundalini is one of the most debated among scholars and yogis. I will not delve deep into all the possibilities, as even in ancient texts there are incongruences and even authors like TKV Desikachar admit that due to wrong translations and ambiguity, it is very difficult to explain what Kundalini is and how it functions. Some traditions say that it needs to be ‘awakened’ so that it can reunite with the Shiva energy, residing in the crown chakra. Others consider Kundalini as an obstacle to overcome in order to see the Purusha, the true essence of things. Some call Kundalini awakening as Samadhi, state of grace or bliss. Kundalini yoga works on the body, the mind, and the spirit. In the West, Kundalini was brought by Yogi Bhajan, who condensed different practices in a rather syncretistic way. Things that were never combined before, he used to create a method. 

Raja Yoga

It literally means ‘Yoga of the King’ or ‘Royal Yoga’ and it’s the yoga of the Mind. It includes all the philosophies and it the aim is to connect the Mind to the source of the Spiritual Power. The idea is to reach the state of Enlightenment so that we can live as Kings or Queens, in a state of bliss. Raja can also refer to the divine, and therefore, the existence of Ishvara (God) is part of the practice. The entire practice is based on understanding, studying and controlling the mind, so we can become the masters of our mind and not its victims. It translates in a deep meditation practice, which is absolutely necessary to get to know the mind and it’s the ultimate form of mind control. It is based on a profound inner work and search for meaning within, looking for inspiration rather than ambition, looking for purpose coming from Existence, from the True Nature, rather than the external world, that can, therefore, become manifest through you and not vice versa. This approach was brought to the West by Swami Vivekananda as early as in the end of the 19thcentury. Many also directly associate this practice with the way suggested in the Yoga Sutras.

Yin Yoga

It is a fairly new style that is the result of a cultural confluence between the Indian traditions of Hatha Yoga, the Chinese Taoist Yoga tradition and Chinese Traditional Medicine. The aim is to develop a meditative practice, cultivate awareness and inner connection. Yin yoga is based on the Taoist concepts of Yin and Yang, the complementary and opposites principles of Nature and the Universe. Yin is feminine, passive, cold, static, grounding, inward and downward-moving. Yang is changing, mobile, hot, masculine, active and upward-moving. Therefore, traditional Hatha yoga is a Yang practice, and Yin yoga functions in the opposite way, since it is structured to function as the counterpart of all Hatha practices.

All these yoga approaches cannot be mastered in a lifetime. However, they are all interconnected. You cannot practice Hatha without understanding the premises of Karma, Raja or Tantra, you can’t practice Bhakti without understanding Jnana. You can’t practice Karma without understanding the devotion of Bhakti… and so on and forth

2. At the Studio

Ok, now that we have covered the yogic approaches, let’s delve deeper into the yoga you find in your studio or at your gym. Remember that almost all the styles listed below fall under the approach of Hatha Yoga, as mentioned above, except for Yin and Kundalini. This doesn’t mean that some practices from the above-mentioned approaches cannot be present in western studio practices anyway, and used by the teachers (e.g. Bhakti chanting, tantric meditations etc.).

Hatha Yoga

You probably have already recognized that 80% of what is taught in the West is Hatha Yoga. However, when a class is marked as Hatha in a western studio, it generally means that you will get a rather slow and gentle introduction to basic yoga postures, usually a non-flow class. If you are a beginner, this is always a good idea, unless it is marked as ‘Intermediate’ and/or ‘Advanced’ Hatha. Then, more difficult asanas will be introduced. Every class is different and it is up to the teacher to decide which asana are to be studied that day. Usually, it includes the Hatha style Sun Salutations (Sivananda style and similar variations).

Ashtanga (Vinyasa) Yoga

This is one of the systems developed by the many students of T. Krishnamacharya, Sri K. Pattabhi Jois. Ashtanga yoga follows a specific sequence of asanas, where the breath is always connected to the movements (called Vinyasa) which are counted in a specific way. It includes the study of bandhas (energy locks), drishti (gaze) and the pranayama technique called ‘Ujjay’, the ‘victorious breath’. All Ashtanga lessons are therefore almost identical, in every studio you go. In particular, they start and finish with two traditional chants (opening and closing prayer). However, there are also differences: some classes may cover the entire sequence (Full Primary series, very advanced) half of the sequence (Half Primary) or they might be conducted as self-practices (Mysore style). This last one means that you will not be guided by the teacher, but you have to know the sequence by heart and you will only be physically assisted. Ashtanga hands-on adjustments are part of the practice, so make sure you are ok being touched and if you aren’t, talk to the teacher openly. This is a vigorous practice, probably the most vigorous of all Hatha yoga practices… so make sure you are ready to work quite intensely! 

Iyengar Yoga

Iyengar is a style of yoga based on the teachings of B.K.S Iyengar, another student of Krishnamacharya. He founded a school in Pune where he taught for many years together with the members of his family. He was a prolific author and published many of the so called ‘yoga bibles’ such as The Tree of Yoga and Light on Yoga. Finding proper alignment and precise movement in and out all postures is the focus of the Iyengar asana practice. In order to help each student, an Iyengar teacher will use a wide variety of yoga props — blocks, blankets, straps, chairs, ropes and bolsters are all very common. There isn’t any jumping nor flowing in Iyengar classes: you probably won’t get your heart rate up so much, but you’ll be mentally and physically challenged to discover the complexity of your body and how your mind responds to it. 

Vinyasa (Flow) Yoga

Vinyasa is a Sanskrit term that translates as “to place in a special way” and in the case of asana, it means a progressive sequence of postures linked in harmony. Vinyasa in yoga was mastered by T. Krishnamacharya who introduced a broader meaning to this word. In fact, he thought that Vinyasa was a concept applicable to any aspect of yoga. It included assessing each student’s needs and building a step-by-step practice that would be most beneficial for them. Vinyasa is a way of tuning into the rhythm of nature and the sequences of the existence, where everything evolves, moves, and changes (parinamavada). Desikachar, Krishmacharya’s son, explains the meaning of Vinyasa also as a ritual, such as greeting the students and accompanying them to the door after the class. Honoring the different phases of the practice is a way to focus on each component, which has a particular lesson to teach. Desikachar was also one of the first Indian Vinyasa teacher who went to the USA, bringing this style there. Vinyasa is among the most vigorous yoga style, and many Vinyasa styles taught in the West, stemmed out of Ashtanga practitioners who started to create sequences which followed a similar logic, but which aimed at constructing a ‘flow’ of different asanas, connecting them through breath and movement. Vinyasa Flow was indeed adapted from Ashtanga yoga in the 1980s. In these classes, the movement is always coordinated with the breath. Therefore, many types of yoga carry a Vinyasa component: Ashtanga, Power Yoga (Bryan Kest and Beryl Bender Birch), and Prana Flow (Shiva Rea), Rocket Yoga etc. Vinyasa styles can vary depending on the teacher, and there can be many different types of poses in different sequences. In general, expect to sweat, to feel your heart beat going up and to be mentally and physically challenged.

Yin Yoga


Yin Yoga is a slow-paced style of yoga, where asanas are held for a very long period of time(2 to 6 minutes usually). It is a fairly new style that is the result of a cultural confluence between the Indian traditions of Hatha Yoga, the Chinese Taoist Yoga tradition and Chinese Traditional Medicine. Yin yoga predominantly works on the connective tissues of the body (the fascia, the tendons and the ligaments in particular) rather than on muscle tissue. The aim is to develop a meditative practice, cultivate awareness and inner connection. It became famous in the West thanks to Paul Grilley and Sarah Powers, who spread it across the USA, published several books and are nowadays considered the masters of this practice. Expect to stretch, to meditate deeply, to fully relax, but also to be faced with unexpected emotions. Yin yoga stimulates the nervous system in a subtle way, and sometimes it can unlock emotional and energetical releases. Don’t worry if you fall asleep, feel very happy or you would like to start laughing, crying, or if you start feeling even angry. Yin yoga will definitely challenge your mind, especially if you are a hyperactive person.

Kundalini 

Kundalini is sometimes present at yoga studios, although it is rarer. The physical practice consists of mainly seated postures, a lot of dynamic pranayama, meditation, mantra chanting. Expect it to be a class where your nervous system is stimulated and where many emotions may bubble up. Some of the practices may challenge your social comfort zone (such as repeating a mantra while moving your arms up and down or moving your torso in a circular motion) so… be prepared J. I say this because sometimes is one of those classes where people feel lost, as it is very different for the imaginary of yoga that we get from the internet and in particular, social media.

N.B. In addition to these styles, there are some others that are very popular in the United States, of which I do not feel like writing anything because I have never practiced them (for example, Jivamukti Yoga, but I would like to try) or because I have deeply controversial feelings about them (Anusara and Bikram Yoga). I am not saying that none of the styles mentioned above are free from controversy (almost all of them are) but since I know them better I am open, happy and informed enough to discuss them. Do your research and you’ll understand what I’m talking about.
Another aspect that I have not only touched on
Buddhist and Jainist traditions. I don’t go into them because I don’t know them and therefore I don’t have the adequate knowledge to tell you about them!

Conclusion

I hope you enjoyed this article! I really put so much effort into it. I know there is a lot of information condensed in here. It is meant to hopefully provide my friends, students, readers, and maybe even other teachers and practitioners with an overview to navigate the ocean that is Yoga with more inspiration. I hope you leave this page with some answers, but also more questions. Remember three things: 1. yoga is still surrounded by mystery. Many things are unclear, debated and obscure. If something isn’t clear to you, it’s probably also not so clear for many others. Keep looking. 2. As Prem Carlisi always says: ‘Don’t believe a word I said’. Go out there, see for yourself. Try things out. Practice more. Read more books. Then please, come back to me and let’s discuss further! 3. This is not the ultimate guide to yoga. This is a SKETCH. I am scratching the surface. I am making mistakes. If there is one thing that I would like you to remember is that yoga is not black or white. It’s not either one or the other, there is no ‘one best way’, but there will be the approach(es) that suits you best. It is something to be practiced, lived and studied holistically: it is ‘union’ in the most complete sense. 

Please, be kind strangers.

With Love and Kindness,

C.


🇮🇹YOGA… COSA? GUIDA ALLE DIVERSE VIE YOGICHE, I LIGNAGGI DELLO YOGA E I PRINCIPALI STILI

Ciao amici e yogi!

Come va? Oggi sono molto felice di presentarvi questo articolo che è stato richiesto da molti di voi.

Spesso mi viene chiesto: ‘quanti stili di yoga ci sono?’ ‘Quali sono i ‘tradizionali’?’ ‘Come faccio a scegliere una lezione di yoga con tutti quei nomi strani?’ dunque ho deciso di creare dei contenuti per chiarire alcuni di questi dubbi.
Nel processo di stesura di questo post, mi sono resa conto che prima di spiegare i diversi stili di “yoga da studio”, sarebbe stato necessario fare un passo indietro e spiegare molte altre cose. Questo perché non voglio dare una risposta approssimativa e non voglio scrivere un pezzo superficiale che farebbe un cattivo servizio allo yoga, ai miei studenti e lettori. Ho deciso di imbarcarmi in una ricerca vera e mettere il mio cuore e le mie competenze a frutto per produrre questo pezzo. Mi ci sono voluti giorni per scriverlo! Siccome il risultato è stato un lungo articolo, ho dovuto anche dividerlo in sezioni così che diventasse più facile da leggere . Quindi funziona così:

Come leggere questo post:

  • C’è un’introduzione: cos’è lo yoga, le fonti principali, i concetti generali.
  • La prima sezione è un mix tra la storia dello yoga in generale e le sue branche principali seguendo le fonti dei testi tradizionali
  • La seconda sezione si concentra principalmente sugli stili degli studi occidentali, sullo yoga moderno e su cosa aspettarsi da una classe.
  • C’è una conclusione

Potete saltare l’introduzione e la prima sezione se volete. Ma sappiate che otterrete una visione molto più superficiale. Infatti nella seconda sezione sono presenti quasi esclusivamente gli stili che rientrano nell’approccio Hatha Yoga. Hatha Yoga è un termine ‘ombrello’, quindi se volete capire cosa si intenda tradizionalmente con ‘Hatha Yoga’ – e non il significato dato dagli studi di yoga – dovete leggere almeno l’introduzione e parte della prima sezione.

Una cosa importante, come dice un mio caro insegnante: NON CREDETE A NULLA DI CIO’ CHE DICO. Ovvero: usate il VOSTRO cervello. Io so di non sapere, so che posso sbagliare e vi parlo di quello che io personalmente ho capito alla luce dei miei studi. Se qualcosa non ha senso per voi, cercate ancora. Studiate meglio, studiate ancora. Io non posseggo la Verità!

Preparate una tazza di tè, sedetevi comodi… e godetevi un bel tuffo nel mondo dello Yoga!

Introduzione


Tanto per cominciare: lo yoga viene dall’India ed è oggi riconosciuto come Patrimonio Culturale Immateriale UNESCO di questo paese. Esso è profondamente connesso ai Veda (che significa “conoscenza”) ovvero testi indiani antichi di tipo letterario, religioso, scientifico e filosofico. Ci sono molti, MOLTI stili e lignaggi di yoga. Più di quelli presentati in questo articolo. Alcuni sono più comuni in occidente rispetto ad altri, alcuni sono derivati ​​da altri, alcuni sono più dinamici e alcuni sono più statici / meditativi, devozionali, ecc. Ma sono tutti collegati.
Lo Yoga è una pratica di unione e connettere. Unione con il Tutto, con noi stessi, il mondo e il Principio Universale. È molto più che ginnastica spirituale, e anche se è vero che il benessere e la lucidità mentale sono fra i vantaggi della pratica dello yoga, questo non è il suo obiettivo principale.

Lo studio dello yoga è un percorso di autorealizzazione, un percorso spirituale per comprendere il nostro ruolo nell’Universo e connetterci con la nostra vera natura.

È come tornare a casa alla consapevolezza che avevamo prima di essere influenzati dalla nostra società, dai vincoli sociali e dai confini culturali. Come dice il maestro di yoga Prem Carlisi: “c’è questa sensazione di non essere del tutto a casa qui sulla Terra. Lo yoga è il nostro biglietto per tornare a quel luogo di riposo, la nostra vera casa dentro di noi'(Carlisi 2014, pp. 131). Per fare questo, ci sono molti approcci che sono stati documentati e adottati, ma 8 di questi sono i più comuni, che sono principalmente menzionati nelle Upanishad, nella Bhagavad Gita e negli Yoga Sutra di Patanjali (basato sulla filosofia Samkhya).
Quest’ultimo è probabilmente il sistema più noto per lo studio dello yoga. Patanjali è una figura quasi mitica che ha scritto gli Yoga Sutra (196 aforismi e istruzioni, composti tra il IV e il V secolo). Egli descrive il percorso yoga diviso in 8 pratiche, spiegando come superare i dilemmi dell’esistenza umana attraverso lo yoga, per raggiungere la pace, la verità, l’autorealizzazione e la libertà.
Ricordate dunque: in India, tradizionalmente, uno yogi non è qualcuno che pratica Asana (posture). Uno yogi è qualcuno che è completamente dedicato allo studio e alla pratica di questa tradizione, impegnato in pratiche esoteriche e/o spirituali e, in un certo senso, nel cercare di svelare i “segreti nascosti della religione”. E che eventualmente pratica più o meno asana. Nello yoga, l’approccio è sempre olistico: c’è l’attenzione sul sistema di credenze, il corpo, lo spirito, l’energia, lo stato di grazia.

Perché ho fatto questa introduzione? Semplice. Vi aiuterà a sviluppare un occhio critico e un pensiero critico. Ogni volta che vi ritrovate a studiare in una scuola in cui manca questo approccio olistico, e solo un aspetto dello yoga è affrontato (per esempio solo l’aspetto fisico), allora, per il mio modo di vedere e alla luce di quanto spiegato sopra, non siete in una scuola di yoga, ma siete in uno studio di ginnastica, ISPIRATO al metodo yoga asana (le posture).
Questo non è IL MALE di per sé. Forse vi farà sentire bene. GRANDIOSO. Accenderà qualcosa in voi, vi farà comunque crescere come persone. Ma siamo onesti su ciò che stiamo facendo nella vita e su ciò che è lo yoga. Prendiamo decisioni INFORMATE e cerchiamo di RISPETTARE le pratiche culturali di altri paesi prima di appropriarsene senza nemmeno chiedere per favore.

1. Le Vie dello Yoga

Rimanete rilassati, perché ora è il momento di un’immersione profonda. Vi darò una panoramica di questi 8 percorsi che si trovano nei testi antichi (da non confondere con gli 8 LIMBI descritti da Patanjali!) con aggiunta di uno, che ho risportato perché è collegato ai testi antichi, ma si basa anche su una filosofia diversa e non rientra in nessun’altra categoria. Ricordate che questi sono gli APPROCCI, che non corrispondono necessariamente ai nomi che troverete nel vostro studio yoga:

  • Hatha
  • Tantra
  • Jnana
  • Karma
  • Bhakti
  • Kriya
  • Kundalini
  • Raja
    +
  • Yin (che è un po’ un mondo a sè)

Hatha Yoga

Hatha Yoga è l’approccio che è prevalentemente presente in Occidente. È la via in cui in cui gli asana (le posture) sono più numerosi e presenti: lo yoga in cui la pratica fisica è considerata molto importante per accedere ai livelli più sottili del corpo. Il termine sanscrito “hatha” deriva da “Ha”, sole e “Tha”, luna. Secondo i principi dello yoga Hatha, l’accesso al corpo è il primo passo per incanalare correttamente l’energia, preparandola per più pratiche meditative e esplorazioni spirituali yogiche. È un modo per riscoprire l’universo che è il nostro corpo: tutte le scuole di Hatha Yoga includono le posture. Il più antico manuale di Hatha Yoga è l’Hatha Yoga Pradipika medioevale scritto da Swami Swatamarama (XV secolo): qui, l’Hatha yoga viene presentato come una pratica che è propedeutica alla meditazione e alle pratiche Raja (vedi sotto). L’Hatha Yoga abbraccia praticamente tutti gli stili di yoga che sono comuni in Occidente (Ashtanga, Iyengar, Vinyasa ecc.) che danno molto spazio ad una pratica fisica giornaliera e profondamente influenzati dalle innovazioni moderne introdotte dagli insegnanti T. Krishnamacharya (in particolare l’introduzione del concetto di ‘Vinyasa’, vedi sezione 2, dove approfondisco gli stili derivati) e Sivananda Saraswati all’inizio del secolo scorso. Esistono molti tipi di pratica Hatha yoga, dal più lento al più veloce, anche se paradossalmente, il significato sanscrito della parola Hatha – la congiunzione di sole e luna – è letteralmente ‘vigoroso’ o ‘ forte’. Nonostante ciò, il significato è cambiato nella società occidentale. Quando leggete la parola “Hatha” in uno studio, di solito è una classe “non-flow”, in cui le posture relativamente accessibili vengono insegnate una dopo l’altra, senza transizioni “coreografate” e in un modo molto gentile: ci sono pause e molti esercizi guidati di respirazione (pranayama). Le lezioni di Hatha Yoga occidentale sono a mio parere le migliori per i principianti poiché tendono ad essere più lente rispetto ad altri stili di yoga. Se sei alle prime armi, hatha yoga è di solito una buona classe di ingresso alla pratica (leggi di più nella sezione 2).

Tantra Yoga

Il Tantra (che letteralmente significa ‘sistema’) molto probabilmente è sorto in India prima del V secolo, ed è probabilmente la radice dell’Hatha yoga. È anche una delle forme di yoga più incomprese: in Occidente, associamo il Tantra al sesso e alle pratiche sessuali esoteriche. Questo NON è l’interesse primario del Tantra. Il Tantra stesso significa anche “espandere” e la pratica esplora come possiamo usare il nostro corpo sottile e la nostra energia. Esplora come possiamo connetterci con il Divino o con la nostra Vera Natura praticando un lavoro energetico. Nel Tantra, un’alta importanza è data al mondo femminile, poiché l’energia femminile è Prakriti, un concetto filosofico corrispondente al mondo manifestato nella Forma, ciò che vediamo con i nostri occhi. Secondo il Tantra, le cose Esistono già nella loro essenza in un modo non manifestato, e poi vengono al mondo prendendo Forma.

Jnana Yoga

Jnana significa conoscenza. È la via dello yoga attraverso lo studio Vedanta. È una pratica che mette alla prova le nostre capacità intellettuali e cognitive, per affrontare questioni profonde di etica, epistemologia, ontologia e genesi. E’ l’interrogarci sul significato della vita e della nostra natura. È uno dei percorsi yogici più difficili perché implica una grande quantità di lavoro accademico, incluso lo studio del sanscrito. È affrontato con un insegnante che discute, spiega e chiarisce concetti e con cui si svolgono dibattiti. Si basa sull’idea che tutta la conoscenza è già dentro di noi, e noi dobbiamo “solo” riscoprirla. Questo approccio è uno di quelli discussi nella Bhagavad Gita oltre altri testi.

Karma Yoga

Il Karma Yoga si basa sulla premessa che esista una profonda connessione tra l’anima di ciascuna persona e l’Universo, e che “ciò che esce, ritorna”. È lo Yoga dell’Azione (tema importantissimo della Bhagavad Gita), che significa: ciò che facciamo, e in particolare l’intenzione che abbiamo quando lo facciamo, determinerà e influenzerà ciò che accadrà dopo. Secondo il Karma Yoga, dovremmo quindi agire in modo disinteressato, offrendoci alla vita e a Dio. Karma è ogni minuto della nostra vita. Ogni azione dovrebbe essere basata sulla consapevolezza delle connessioni esistenti nell’universo. Secondo il Karma, ogni momento è un’opportunità per riconoscere il potere della scintilla divina in tutto ciò che ci circonda e per fare qualcosa per collegarci ad essa.

Bhakti Yoga

Il Bhakti Yoga si basa principalmente sulla pratica della Devozione (presente nella Bhagavad Gita e già nelle prime Upanishad), coltivando l’amore. È lo yoga dell “amorevole devozione”. Si fonda sull’idea di consegnare l’Ego a Dio, aprendo il cuore per unirsi con il divino. La maggior parte della pratica riguarda la recita dei mantra, il canto kirtan e le canzoni sugli Dei – che è una forma di meditazione – usando i suoni per entrare nello stato di amorevole devozione. Include anche la preghiera, la frequentazione del tempio, la meditazione su Dio, la pratica pensando a Dio. La logica è la stessa della pratica dell’Asana in Hatha yoga – che usa una pratica fisica per accedere a uno stato, sintonizzarsi nel nostro corpo sottile e iniziare a sentire il prana (energia) muoversi – ma invece di usare le posture, Bhakti usa suoni, nomi e meditazione per connetterci alla Saggezza Interiore che otteniamo attraverso la pratica.

Kriya Yoga

Kriya significa azione o movimento e si riferisce al movimento della coscienza. Il Kriya yoga mira a controllare l’energia, specialmente attraverso il lavoro sul respiro (Pranayama) per entrare sempre più nel profondo usando la concentrazione (Dharana) e infine la meditazione (Dhyana) per accedere a livelli ulteriori di coscienza e stabilire una profonda connessione interiore. È una pratica psicofisica, o un metodo, in cui il respiro, la mente e l’energia sono usati e stimolati per superare i blocchi che ci impediscono di vedere la Verità. La pratica del Kriya Yoga fu introdotta in Occidente grazie a Yogananda negli anni ’20, autore di uno dei libri di yoga più famosi, Autobiografia di uno Yogi.

Kundalini Yoga

Kundalini è l’approccio yoga che si concentra principalmente sul lavoro con i Chakra. La Kundalini è l’energia apparentemente dormiente che si troverebbe alla base della spina dorsale, attorno all’area del chakra Muladhara, ed è l’energia femminile (Shakti) che abbiamo dentro. Questa energia dormiente è ciò che blocca il prana (l’energia) nel suo fluire su e giù per il corpo attraverso le nadi (canali energetici). La descrizione di Kundalini è uno dei temi più discussi tra studiosi e yogi. Non approfondirò tutte le possibilità, poiché anche nei testi antichi ci sono tante incongruenze e persino autori come TKV Desikachar ammettono che, a causa di traduzioni ambigue e sbagliate, è molto difficile spiegare cos’è la Kundalini e come funzioni. Alcune tradizioni dicono che abbia bisogno di essere ‘risvegliata’ (come un serpente che dorme) in modo che possa ricongiungersi con l’energia Shiva, risiedente nel chakra della corona della testa. Altri considerano la Kundalini come un ostacolo da superare per vedere il Purusha, la vera essenza delle cose. Alcuni usano Kundalini come sinonimo di Samadhi, stato di grazia o beatitudine. Lo yoga Kundalini lavora sul corpo, sulla mente e sullo spirito. In Occidente, Kundalini yoga è stato portato da Yogi Bhajan, che ha condensato diverse pratiche in un modo piuttosto sincretistico: pratiche che non erano mai state combinate prima, sono state unite per creare un metodo.

Raja Yoga

Letteralmente significa “Yoga del Re” o “Yoga reale” ed è lo yoga della mente. Abbraccia tutte le filosofie principali e lo scopo è quello di collegare la mente alla fonte del potere spirituale. L’idea è di raggiungere lo stato dell’Illuminazione in modo da poter vivere come Re o Regine, in uno stato di beatitudine. Raja può anche riferirsi al divino, e quindi, l’esistenza di Ishvara (Dio) è parte della pratica. L’intera pratica si basa sulla comprensione, lo studio e il controllo della mente, in modo che possiamo diventare i maestri della nostra mente e non le sue vittime. Tutto ciò si traduce in una pratica di meditazione profonda, che è assolutamente necessaria per conoscere la mente ed è la più alta forma di controllo mentale. Si basa su un profondo lavoro interiore e sulla ricerca di un significato interiore, sulla ricerca di un’ispirazione nella vita piuttosto che di ambizione, sulla ricerca di uno scopo che proviene dall’Esistenza Autentica, dalla Vera Natura, piuttosto che dal mondo esterno, che può quindi manifestarsi attraverso di noi e non viceversa . Questo approccio è stato portato in Occidente da Swami Vivekananda già alla fine del 19 ° secolo. Molti associano anche direttamente questa pratica con il metodo suggerito negli Yoga Sutras e dunque associano a Raja tutte le pratiche si basano principalmente sugli 8 limbi (tipo l’Ashatnga Vinyasa).

Yin Yoga

È uno stile abbastanza nuovo che è il risultato di una confluenza culturale tra le tradizioni indiane di Hatha Yoga, la tradizione taoista cinese e la medicina tradizionale cinese. Lo scopo è sviluppare una pratica meditativa, coltivare consapevolezza e connessione interiore. La pratica si basa sui concetti taoisti di Yin e Yang, i principi complementari e contrari della Natura e dell’Universo. Yin è femminile, passivo, freddo, statico, radicato, interiore e discendente. Lo Yang è cambiamento, è mobile, caldo, maschile, attivo e ascendente. Pertanto, l’Hatha yoga tradizionale è una pratica Yang, e lo Yin yoga funziona in modo opposto, poiché è strutturato per funzionare come controparte di tutte le pratiche Hatha.


Tutti questi approcci di yoga non possono essere imparati e studiati in una sola vita. Tuttavia, sono tutti interconnessi. Non puoi praticare Hatha senza comprendere le premesse di Karma, Raja o Tantra, non puoi praticare Bhakti senza capire Jnana. Non puoi praticare Karma senza comprendere la devozione Bhakti … e così via.

2. Nel Centro di Yoga

Ok, ora che abbiamo parlato delle vie yogiche, approfondiamo lo yoga che trovate nel vostro studio o nella vostra palestra. Ricordate che quasi tutti gli stili elencati di seguito rientrano nell’approccio dell’Hatha Yoga, come menzionato sopra, ad eccezione di Yin e Kundalini. Ciò non significa però che alcune pratiche tipiche delle ‘vie’ spiegate sopra non possano comunque essere presenti nelle lezioni delle scuole occidentali e dunque utilizzate dai vostri insegnanti (ad esempio il canto mantra del Bhakti, meditazione tantrica, ecc.).

Hatha Yoga

Probabilmente avete già capito che l’80% di ciò che viene insegnato in Occidente è Hatha Yoga. Tuttavia, quando una classe è contrassegnata come ‘Hatha’ in un centro occidentale, generalmente significa che la lezione tratterà un’introduzione piuttosto lenta e gentile alle posizioni yoga di base, di solito una classe non troppo dinamica (non-flow). Se siete principianti, questa è di solito una lezione adatta a voi, a meno che non sia specificatamente contrassegnata come: Intermedia/Avanzata. Ogni classe è diversa ed è compito dell’insegnante decidere quali asana saranno studiati quel giorno. Solitamente include i Saluti al Sole (Surya Namaskara) in stile Hatha (stile Sivananda e varianti simili).

Ashtanga (Vinyasa) Yoga

Questo è uno dei sistemi sviluppati dai molti studenti di T. Krishnamacharya, Sri K. Pattabhi Jois. L’Ashtanga Yoga segue una specifica sequenza di asana, in cui il respiro è sempre connesso ai movimenti (concetto detto ‘Vinyasa’) e che sono contati in un modo specifico. Include lo studio dei bandha (chiusure energetici), drishti (sguardo) e la tecnica del pranayama chiamata ‘Ujjay‘, il ‘respiro vittorioso’. Tutte le lezioni di Ashtanga sono quindi ‘quasi identiche’ in ogni studio in cui andrete. In particolare, iniziano e finiscono con due mantra tradizionali (preghiera di apertura e chiusura) e con i Saluti al Sole A e B. Tuttavia, ci sono delle varianti: alcune classi possono includere l’intera sequenza (serie Full Primary, molto MOLTO avanzata) metà della sequenza (Half Primary) o anche meno, oppure possono essere condotte come pratiche autonome (stile Mysore). Quest’ultimo significa che non sarete guidati dall’insegnante, ma dovrete conoscere la sequenza a memoria e sarete assistiti fisicamente con aggiustamenti posturali. Le tecniche di Ashtanga sugli assists, o aggiustamenti, sono parte integrante della pratica, quindi assicuratevi di sentirvi a vostro agio all’idea. Nel caso non lo siate, parlatene apertamente con l’insegnante, e fermatelo anche durante la pratica se vi sta aggiustando in un modo che non è da voi gradito. Questa è una pratica vigorosa, probabilmente la più vigorosa di tutte le pratiche di Hatha … quindi siate pronti a lavorare intensamente!

Iyengar Yoga

Iyengar è uno stile di yoga basato sugli insegnamenti di B.K.S Iyengar, un altro studente di Krishnamacharya. Egli fondò una scuola a Pune dove insegnò per molti anni insieme ai membri della sua famiglia. Fu un autore prolifico e pubblicò molte delle cosiddette “bibbie dello yoga” come L’Albero dello Yoga e Luce sullo Yoga. Trovare il giusto allineamento e il preciso movimento in entrata e uscita dalle posizioni è il fulcro della pratica asana di Iyengar. Al fine di aiutare ogni studente, un insegnante di Iyengar utilizzerà un’ampia varietà di supporti: blocchi, coperte, cinghie, sedie, corde e altri sostegni sono tutti molto comuni. Non ci sono salti né particolari fluttuazioni nelle lezioni di Iyengar: probabilmente non aumenterete di tanto la frequenza cardiaca, ma sarete mentalmente e fisicamente sfidati a scoprire la complessità del corpo e come la mente risponda ad esso.

Vinyasa (Flow) Yoga

Vinyasa è un termine sanscrito che si traduce come “collocare in un modo speciale” e nel caso degli asana, significa una sequenza progressiva di posture collegate in armonia. La tecnica del Vinyasa nello yoga fu principlamente sostenuta e affinata da T. Krishnamacharya che introdusse anche un significato più ampio di questa parola. Egli sosteneva che ‘Vinyasa’ fosse un concetto applicabile a qualsiasi aspetto dello yoga. Comprendeva la valutazione dei bisogni di ogni studente e la costruzione di una pratica passo-passo che sarebbe stata più utile per loro. Vinyasa è un modo di sintonizzarsi con il ritmo della natura e le sequenze dell’esistenza, dove tutto si evolve, si muove e cambia (parinamavada). Desikachar, il figlio di Krishmacharya, spiega anche il significato di Vinyasa come un rituale, come ad esempio l’atto di salutare gli studenti e accompagnarli alla porta dopo la lezione. Onorare le diverse fasi della pratica è un modo per concentrarsi su ciascun componente, su ogni lezione che ogni asana o pratica ha da insegnare. Desikachar è stato anche uno dei primi insegnanti indiani di Vinyasa ad andare negli Stati Uniti, portando lì questo stile. Vinyasa è uno degli stili di yoga più vigorosi e questo anche perchè molti stili Vinyasa insegnati in Occidente derivano da tecniche studiate da praticanti di Ashtanga che hanno iniziato a creare sequenze che seguissero una logica simile, ma che mirassero a costruire un ‘flusso’ di asana diverse, discondandosi dalla serie di Jois, collegandole attraverso respiro e movimento. Lo stile del ‘flusso di Vinyasa’ (Vinyasa Flow) è stato adattato dall’Ashtanga circa negli anni ’80. In queste classi, il movimento è sempre coordinato con il respiro. Come potrete capire, molti stili di yoga presentano ‘caratteristiche Vinyasa’: dal tradizionale Ashtanga Vinyasa, a quelli derivati e inventati da insegnanti occidentali come il Power Yoga (Bryan Kest e Beryl Bender Birch), il Prana Flow (Shiva Rea), il Rocket Yoga, ecc. Gli stili di Vinyasa possono variare a seconda dell’insegnante, e ci possono essere molti diversi tipi di pose in diverse sequenze. In generale, aspettatevi di sudare, di sentire il battito del cuore che sale e di essere mentalmente e fisicamente sfidati.

Yin Yoga

Yin Yoga è uno stile di yoga a ritmo lento, in cui gli asana si tengono per un periodo molto lungo (da 2 a 6 minuti). È uno stile abbastanza nuovo che è il risultato di una confluenza culturale tra le tradizioni indiane di Hatha Yoga, la tradizione Taoista cinese e la Medicina Tradizionale Cinese. Lo Yin yoga lavora prevalentemente sui tessuti connettivi del corpo (fascia, tendini e legamenti in particolare) piuttosto che sul tessuto muscolare. Lo scopo è sviluppare una pratica meditativa, coltivare consapevolezza e connessione interiore. Divenne famoso in Occidente grazie a Paul Grilley e Sarah Powers, che la diffusero in tutti gli Stati Uniti, pubblicarono libri e sono oggi considerati i maestri di riferimento di questa pratica. Aspettatevi di allungarvi, meditare, rilassare il corpo completamente, ma anche di affrontare emozioni inaspettate. Lo yoga Yin stimola il sistema nervoso in modo sottile, e talvolta può sbloccare emozioni ed energia particolari. Non vi preoccupate se vi addormentate (cercate di non farlo però), se vi sentite di colpo molto felici o se vi venisse da ridere, da piangere, o se iniziate a sentirvi persino arrabbiati. Lo Yin yoga potrebbe sicuramente mettere alla prova la vostra mente, specialmente se siete persone iperattive (molto yang!).

Kundalini

Kundalini è talvolta presente nei centri yoga, sebbene sia più raro. La pratica fisica consiste principalmente di posture sedute, molto pranayama dinamico, meditazione, canto dei mantra. Aspettatevi che sia una classe in cui il vostro sistema nervoso viene stimolato e in cui molte emozioni possono insorgere. Alcune delle pratiche possono sfidare la vostra zona di comfort sociale (esempio: la ripetizione di un mantra mentre muovete le braccia su e giù o muovete il busto in movimento circolare) quindi … siate preparati :-). Dico questo perché a volte è una di quelle classi in cui le persone si sentono perse o in soggezione, in quanto è molto diverso dall’immaginario dello yoga che otteniamo da internet e, in particolare, dai social media.

N.B. Oltre a questi stili di studio, ce ne sono altri che sono decisamente popolari negli Stati Uniti, di cui non mi sento di scrivere nulla perché non li ho mai praticati (ad esempio, Jivamukti Yoga, che però mi piacerebbe provare) o perché ho sentimenti profondamente controversi su di loro (Anusara e Bikram Yoga). Non sto dicendo che nessuno degli stili menzionati sopra sia esente da controversie (quasi tutti lo sono, ma siccome li conosco meglio sono pronta a discuterne con piacere). Fate le vostre ricerche e capirete di cosa parlo.
Un altro aspetto che non ho toccato solo le tradizioni Buddhiste e Jainiste. Non mi addentro siccome non le conosco e dunque non possiedo le conoscenze adeguate per parlarvene!

Conclusione

Spero che questo articolo vi sia piaciuto! Ci ho davvero messo tanto impegno. So che ci sono molte informazioni condensate qui. Ha lo scopo di fornire ai miei amici, studenti, lettori e magari anche ad altri insegnanti e professionisti una panoramica per navigare nell’oceano che è lo Yoga. Spero che lasciate questa pagina con alcune risposte, ma anche con più domande. Ricordate tre cose: 1. lo yoga è ancora oggi circondato da un certo mistero. Molte cose non sono chiare, discusse e oscure. Se qualcosa non vi è chiaro, probabilmente non è così chiaro per molti altri. Continuare a cercare è l’unica soluzione. 2. Come Prem Carlisi dice sempre: “Non credete a nulla di ciò che ho detto”. Andate là fuori, guardate di persona. Provate le cose. Esercitatevi di più. Leggete più libri. Poi se vi va, tornate da me e discutiamone ancora! 3. Questa NON è una guida definitiva allo yoga. Questo è un ABBOZZO. Sto a mala pena graffiando la superficie. Però, se c’è una cosa che vorrei che ricordaste è che lo yoga non è bianco o nero. Non esiste un ‘unico modo migliore’, ma ci sarà(nno) l’approccio(i) più adatti a voi. È qualcosa che deve essere praticato, vissuto e studiato in modo olistico: è l’unione nel senso più completo.

Mi raccomando, siate sconosciuti gentili.

Con amore e gentilezza,

C.

Bibliography

  • Carlisi, A. (2014[2007]). The Only Way Out is In. Hanalei, Dream Weavers International
  • Clark, B. (2011). The Complete Guide to Yin Yoga.Vancouver, Wild Strawberry Productions
  • Desikachar, T.K.V. (1995). The Heart of Yoga. Vermont, Inner Traditions International
  • Iyengar, B.K.S. (2015[1966]). Light on Yoga. London, Thorsons Classics
  • MacGregor, K. (2017). The Yogi Assignment. Boulder, Shambhala
  • Mitchell, S. (trad.) (2000). Bhagavad Gita. New York, Harmony
  • Scott, J. (2018[2000]). Ashtanga Yoga. London, Gaia Classics
  • Swami Satchidananda (trad.) (2012[1978]). The Yoga Sutras of Patanjali. Buckingham, Integral Yoga Publications
  • Yogananda, P. (2009). Autobiography of a Yogi. The Floating Press

+

2 Replies to “YOGA… WHAT? GUIDE TO THE DIFFERENT YOGIC PATHS, YOGA LINEAGES, A​N​D MAJOR STYLES // YOGA… COSA? GUIDA ALLE DIVERSE VIE YOGICHE, I LIGNAGGI DELLO YOGA E I PRINCIPALI STILI”

  1. Bravissima lo rileggerò più volte perché davvero interessante .e chiarisce tanti dubbi e curiosità .
    Complimenti

  2. Ciao Caro! Bellissimo articolo, completo per iniziare a capire come è strutturato il mondo dello yoga. Complimenti, l’impegno ha portato un buon frutto. Volevo chiederti: quando e come hai capito quale sarebbe stato il tuo stile prediletto?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s